Alzati e AMA!

La tristezza non ha mai bussato… né chiesto il permesso di entrare… il dolore troppe volte si è fatto beffa di noi tutte le volte che ha desiderato di togliersi lo sfizio.

E adesso… siamo qui… pulsando vita e lacrime… sognando il nostro regno.

Sì… maledizione sì… io sono felice quando ti sento e quando ti penso… così tanto che quasi me ne vergogno.

E TU?

Tu di sicuro non sei persa…. sei presa… e suona pure bene nella nostra giostra dei doppi sensi.

In amore è così… ti senti smarrito… perso… ma in verità sei stato visto… acchiappato… preso… e non sei più nascosto… come a nascondino.

L’amore ti fa venire fuori… pretende… impone di farti vedere… di tornare alla luce… di ritrovare e riappropriarti delle cose più belle… quelle che hai perso nel corso del tempo… e conquistarne di nuove.

L’ amore… è amore… solo se ti fa bene e fa il tuo bene… aiutandoti a tirare fuori le palle e il meglio di te. L’ amore ti aiuta a prendere quello che hai lasciato indietro e a ritrovare quello che credevi perso per sempre… e non lascia che ti rubino i momenti felici… anzi li custodisce nel tuo scrigno segreto.

TU alzati e AMA!

Io l’ho sperimentato con te… perché lo spazio che abiti… quando ti interroghi… quando sei triste… è tutto racchiuso nell’infinito dei miei occhi… nel mio sguardo perso… mentre lascio che tu mi accada. Solo così mi appare tutto più chiaro… proprio quando mi sollevo… mi alzo e ti vengo incontro… pur sapendo di essere la tua perdizione… il tuo tormento… e tu la mia sacra e divina benedizione.

Non bastano i pensieri… e non bastano le parole… e forse non basta nemmeno la carne per raccontarci… la vita alle volte è già abbastanza crudele e tira fuori il peggio senza fare sforzi.

Ma non importa!

Noi abbiamo scelto di viverci… e malgrado una storia come la nostra sia quasi impossibile da vivere… noi la abbiamo scoperta… sanata e purificata… l’abbiamo resa complice e alchemica… tanto da essere edificante per la nostra esistenza e resistente come un fiore del deserto… che è sempre più forte… più verace… più resistente di qualunque altro fiore sbocciato nei campi.

Fermati un solo attimo… voglio stringerti forte adesso… per tenerti… per non lasciarti cadere e proteggerti… solo proteggerti.

Tu invece tienimi nelle tue mani… e leggimi come un libro. Sai bene cosa ignoro perché mi dici sempre le cose che penso… che non dico e non mi dico.

Mi conosco e mi riconosco in te più che in me stesso. Sei come un miracolo che si compie nell’attimo che non ti aspetti… come un dolore… puro e divino… che si trasforma in piacere.

Tutto accade e io lo lascio accadere. Tra ostacoli… proibizioni e divieti… l’anima mia si incunea nelle esili fessure del tempo per divaricare lo spazio… nel dissennato tentativo di piantare in te semi che germogliano in attimi di sereno e meritato godimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: