Basta un dettaglio

Basta un dettaglio… un minuscolo dettaglio per risvegliare quel desiderio sedato e legato al palo della tortura. Basta poco per scivolare in una ipnosi di visioni belliche… veraci… che si manifestano con una infinità di sfumature che non riesco a cogliere. Come schizzi di fontana si disperdono e scompaiono in questi interminabili pomeriggi d’estate… inghiottitiContinua a leggere “Basta un dettaglio”

Quelli come me

Quelli come me non si sopportano… non ci riesci. Per quanto ti sforzi a tenerli lontani… non si allontanano… non scappano… anzi ti acchiappano e si legano ancora di più… sempre di più… e si trasformano in vizio perché amano in modo spericolato… con tutta la forza… la passione… l’ardore… e ti bruciano. Quelli comeContinua a leggere “Quelli come me”

Ho scelto te

Non so se sia una colpa… oppure un peccato… ma sappi che ho scelto te quando eri solo un’ombra…  quando le sofferenze gridavano vendetta e il cuore era ancora troppo lacerato per esigere una cura. Ho scelto te senza scartare nulla… come il dono più bello… di quelli che accetti in silenzio… anche se… nelContinua a leggere “Ho scelto te”

Eccomi!

Vengo in pace… a cercarti come mai avevo fatto prima. In questa notte di tribolazioni… ho bisogno di parlare con te… di dirti che era solo una cattiva abitudine quella di trovarti dei difetti… di sgridarti quando non ce n’era bisogno. Era solo la mia reazione al tuo essere bambina… non perché non ti amassi…Continua a leggere “Eccomi!”

L'estasi del discernimento

Quando la luce si dissolve e il buio sopravanza… quando le parole mancano… e la voce si spegne… il silenzio come sangue penetra lentamente… nelle viscere e nelle vene. Ci abbandoniamo al vuoto… ai ricordi passati e alla fantasia dei giorni che verranno… fluttuando il quel pezzo di cielo che abbiamo ritagliato nell’anima… e cheContinua a leggere “L'estasi del discernimento”

La voce del mio IO e del suo carnefice

Ricordi che si confondono con le nuvole di tempi lontani… ricordi opachi… sbiaditi. Come il ricordo di quando sono riemerso sanguinante… rotto… stordito… scioccato… ma vivo. Ricordo di aver confusamente percepito di trovarmi ancora sulla terra. Ricordo che tutti mi chiamavano per nome… con un nome che non era mio… e che è diventato ilContinua a leggere “La voce del mio IO e del suo carnefice”